ATTENZIONE! Questo sito potrebbe utilizzare cookie propri e/o di terze parti o tecnologie simili per garantire una migliore fruibilità dei servizi. Proseguendo nella navigazione se ne accetta l'utilizzo.

E' possibile modificare le impostazioni del browser cliccando qui

Domande e Risposte

Come vengono ripartite le spese del lastrico solare ad uso esclusivo.

Quando l’uso dei lastrici solari o di una parte di essi non è comune a tutti i condomini, quelli che ne hanno l’uso esclusivo sono tenuti a contribuire per un terzo nella spesa delle riparazioni o ricostruzioni del lastrico: gli altri due terzi sono a carico di tutti i condomini dell’edificio o della parte di questo a cui il lastrico solare serve, in proporzione del valore del piano o della porzione di piano di ciascuno. (art.1126 C.C.)

E' obbligatorio il regolamento di condominio.

Quando in un edificio il numero dei condomini è superiore a dieci, deve essere formato un regolamento [c.c. 1106, 1130, n. 1], il quale contenga le norme circa l'uso delle cose comuni [c.c. 1117, 1122] e la ripartizione delle spese [c.c. 1123], secondo i diritti e gli obblighi spettanti a ciascun condomino, nonché le norme per la tutela del decoro dell'edificio e quelle relative all'amministrazione [disp. att. c.c. 68]. (vedi art.1138 C.C.).

Il condòmino che effettua spese per il condominio ha diritto al rimborso.

Il condomino che ha assunto la gestione delle parti comuni [c.c. 1117, 1123] senza autorizzazione dell'amministratore o dell'assemblea non ha diritto al rimborso, salvo che si tratti di spesa urgente [c.c. 1110, 1135]. (art.1134 C.C.)

Può essere delegato l'amministratore di condominio alle assemblee.

All'amministratore non possono essere conferite deleghe per la partecipazione a qualunque assemblea. (vedi art.67 Disp. Att. C.C.)

E' necessario nominare un' amministratore.

Quando i condomini sono più di otto, se l'assemblea non vi provvede, la nomina di un amministratore [c.c. 1106, 1135, n.1] è fatta dall'autorità giudiziaria su ricorso di uno o più condomini o dell'amministratore dimissionario (vedi art.1129 C.C.).

Quando un'unità immobiliare ha più proprietari chi partecipa all'assemblea di condominio.

Qualora un'unità immobiliare appartenga in proprietà indivisa a più persone, queste hanno diritto a un solo rappresentante nell'assemblea, che è designato dai comproprietari interessati a norma dell'articolo 1106 del codice. (vedi art.67 Disp. Att. C.C.)

Chi può convocare un'assemblea di condominio.

L'assemblea, oltre che annualmente in via ordinaria per le deliberazioni indicate dall'articolo 1135 del codice, può essere convocata in via straordinaria dall'amministratore quando questi lo ritiene necessario o quando ne è fatta richiesta da almeno due condomini che rappresentino un sesto del valore dell'edificio. Decorsi inutilmente dieci giorni dalla richiesta, i detti condomini possono provvedere direttamente alla convocazione. In mancanza dell'amministratore, l'assemblea tanto ordinaria quanto straordinaria può essere convocata a iniziativa di ciascun condomino. (vedi art.66 Disp. Att. C.C.)

Quanto dura il mandato dell'amministratore.

L'incarico di amministratore ha durata di un anno e si intende rinnovato per eguale durata. L'assemblea convocata per la revoca o le dimissioni delibera in ordine alla nomina del nuovo amministratore [c.c. 1131]. (vedi art.1129 C.C.).

Stampa Email